La mort de César by Voltaire


Main
- books.jibble.org



My Books
- IRC Hacks

Misc. Articles
- Meaning of Jibble
- M4 Su Doku
- Computer Scrapbooking
- Setting up Java
- Bootable Java
- Cookies in Java
- Dynamic Graphs
- Social Shakespeare

External Links
- Paul Mutton
- Jibble Photo Gallery
- Jibble Forums
- Google Landmarks
- Jibble Shop
- Free Books
- Intershot Ltd

books.jibble.org

Next Page

Page 0



This eBook is for the use of anyone anywhere at no cost and with
almost no restrictions whatsoever. You may copy it, give it away or
re-use it under the terms of the Project Gutenberg License included
with this eBook or online at www.gutenberg.net




Author: Voltaire

Release Date: May 9, 2005 [EBook #15804]

Language: French

Character set encoding: ISO-8859-1






Produced by Carlo Traverso, Renald Levesque and the Online Distributed
Proofreading Team. This file was produced from images generously








LA MORT
DE CESAR

_TRAGEDIE_.


LETTERA
_DEL SIGNOR_
CONTE ALGAROTTI
_AL SIGNORE_
ABATE FRANCHINI



Io non so per che cagione cotesti Signori si abbiano a maravigliar tanto
che io mi sia per alcune settimane ritirato alla campagna, e in un


cose io m'abbia potuto trovare in questa Campagna. Qui lungi dal tumulto





culta conversazione che vorrei pur transferire nella mia Operetta. Ma




dubito che ella non sia per prendere, in leggendo questa Tragedia, un



fortuna di quello insieme con _Cornelio_ e _Racine_, e nulla sanno
immaginare sopra le costoro produzioni. Ma certo niente pareva, non
sono ancora molti anni passati, che si avesse a desiderare nella Musica
vocale dopo _Scarlatti_, o nella strumentale dopo _Corelli_. Pur
nondimeno il _Marcello_ e il _Tartini_ ne han fatto sentire che vi avea

non accorgersi l'uomo de' luoghi che rimangono ancora vacui nelle Arti



la imitazione di un'azione che abbia in se del terribile e del










quel sesso, il cui imperio si stende fino alle Provincie scientifiche.

comportare, che altre passioni vogliano partire il regno con esso lui;


fare il galante sul punto di muovere il campo verso Roma, e dove odono
_Cesare_ medesimo che novello _Orlando_ si vanta di aver fatto giostra
con _Pompeo_ in Farsaglia per i belli occhi di _Cleopatra_. E forse che

che _Temistocle_, _Alcibiade_ e quegli altri grandi uomini della Grecia

un tempo medesimo della patria loro.

Next Page


Books | Photos | Paul Mutton | Wed 20th Sep 2017, 7:15